Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: RISULTATI CLASSIFICHE STATISTICHE COPPE DIRETTA

Due siciliani d'America alla conquista del calcio italiano

Sono Matt Rizzetta e Nicola Cirrincione i nuovi “acquisti”, provenienti da oltreoceano, del Campobasso Calcio. Due persone accomunate dalle loro origini siciliane: i genitori della nonna paterna di Rizzetta sono nati a Marineo, mentre Nicola Cirrincione è nato a Campofelice di Roccella e, dopo la morte del padre, si è trasferito con la madre negli States.

Il primo andrà ad affiancare il socio di maggioranza Mario Gesuè, amministratore delegato della società Northern Fides, con sede a Londra, che il 5 luglio 2019 ha acquisito il 100 % delle quote societarie, diventando l’unico azionista. Cirrincione, braccio destro di Rizzetta, sarà il delegato di mercato del Nord America.

Un’avventura che ha avuto inizio qualche mese fa quando Rizzetta, fondatore e presidente dell’agenzia N6A, tra le agenzie più potenti degli Stati Uniti d’America secondo The Observer, decise di iniziare una nuova sfida nel calcio italiano. Tra diverse società, ad avere la meglio è stata la molisana Campobasso Calcio, squadra che attualmente milita in serie D.

«Ho iniziato il mio percorso imprenditoriale undici anni fa – racconta Rizzetta – il mio sogno era quello di far crescere la mia azienda». La società si occupa di comunicazione e negli ultimi anni l’imprenditore americano sta investendo molto sui social media. «Da piccolo guardavo sempre le partite con mio nonno in tv. Con il trascorrere degli anni la mia azienda è cresciuta molto, così ho deciso di investire nel calcio italiano».

Rizzetta è entrato in contatto con un paio di società calcistiche italiane e una tedesca. Alla fine l’ha spuntata il Campobasso Calcio. «Insieme a Nicola stiamo vivendo un sogno e sono felice di viverlo insieme a lui. Sono nato in America ma sono molto attaccato alle mie origini, alla Sicilia. La mia terra mi ha dato l’opportunità di diventare quello che sono oggi. Vedo l’Italia come un luogo sentimentale e una piattaforma di crescita molto importante. Devo tanto all’Italia».

Nicola Cirrincione ha sempre avuto la passione per il calcio. Da ragazzo ha giocato nella Termitana di Franco Tirrito e nelle giovanili dell’Inter di Giacinto Facchetti. Adesso sta vivendo uno dei più grandi sogni della sua vita. «Mario Gesuè sta facendo un grandissimo lavoro – ha commentato il giovane siciliano che vuole venire al più presto in Italia per conoscere i tifosi e tutto lo staff del Campobasso Calcio – Ringrazio la società per aver creduto in me. Sto già lavorando per cercare nuovi talenti. L’unica promessa che vogliamo fare è quella di andare allo stadio per abbracciare i nostri tifosi»

Cirrincione ha ringraziato tutta la sua famiglia per essergli stato sempre accanto, anche se lontani: «Sono un siciliano doc. Ho due paesi da salutare: uno è quello della mia famiglia, Baucina, di grande tradizione e fede; l’altro è Campofelice di Roccella, in cui sono nato».

 

Fonte: Quotidiano di Sicilia.it di Mario Catalano

Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione il 15/01/2021
Articoli correlati:
Tempo esecuzione pagina: 0,06972 secondi