Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: RISULTATI CLASSIFICHE STATISTICHE COPPE DIRETTA

Edizione provinciale di Agrigento


Angelo D’Angelo: porto la Sancataldese in D poi mi ritiro

Una carriera importante, un palmares con tre campionati vinti l’ultimo con il Città di S. Agata e una Coppa Italia Eccellenza. All’anagrafe fa 33 anni, uno dei più forti difensori siciliani degli ultimi 10 anni, ha indossato diverse maglie tra Serie D e Eccellenza, in estate ha scelto una piazza passionaria come quella di San Cataldo, obiettivo vincere con la maglia della Sancataldese. Stiamo parlando del difensore Angelo D’Angelosono venuto alla Sancataldese per vincere, voglio contribuire a riportare questa piazza dove merita di stare, in serie D. Poi magari disputare il campionato di D con la maglia della Sancataldese per poi ritirarmi” ha dichiarato al quotidiano la Sicilia.

Obiettivo stagionale che al momento è stata accantonato, l’emergenza Covid-19 ha portato alla sospensione del campionato di Eccellenza “non è giusto, hanno lasciato tanta gente a casa che vive di questo mestiere – sostiene il difensore D’Angelo -  non siamo professionisti ma ci alleniamo cinque volte alla settimana. Per me questo è un lavoro, sono rimasto senza dà un giorno all’altro. Spero che la Federazione e Governo ci aiutino”.

Nell’intervista realizzata da Gandolfo Maria Pepe, il termitano D’Angelo si può senz’altro considerare “tifoso Sancataldese” parla di San Cataldo come una piazza calda, passionaria, con una dirigenza seria, non esistono società come la Sancataldese.

Ma per vincere ci vogliono diverse componenti ad iniziare dal gruppo “i campionati si vincono con il gruppo – sostiene Angelo D’Angelo -  nella mia carriera difficilmente ne ho visto uno come il nostro”.

Mister Settineri?E’ fantastico, è un martellatore, pretende tanto ma ha costruito un gruppo solido e ci fa giocare bene al calcio”

Un momento particolare di questa prima parte della stagione “senz’altro il gol del 3-2 al 91’ contro il Don Carlo Misilmeri, un gol che ho dedicato all’amico Giuseppe Rizza con cui abbiamo giocato insieme e scomparso questa estate”

Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione il 16/11/2020
Articoli correlati:
 

Altri articoli dalla provincia...




Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,05209 secondi