Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: RISULTATI CLASSIFICHE STATISTICHE COPPE DIRETTA

Orlandina: con la Sicula per evitare il 300° gol subito in due anni

Nelle ultime due stagioni, tra D ed Eccellenza, sono stati 291 i gol incassati. Storia di un calvario senza fine

Dopo aver perso 7-0 domenica scorsa contro lo Sporting Viagrande, l'Orlandina ha peggiorato ulteriormente la voce delle reti subite: 145 in 29 partite. E domenica, all’ultima giornata, al “Ciccino Micale” di Capo d’Orlando arriva la Sicula Leonzio, terza in classifica. Il rischio concreto è di migliorare il disastro dell’anno passato, quando i biancazzurri incassarono 146 gol nelle 34 gare del torneo di serie D. Difficilmente nella storia del calcio si trovano compagini con 291 reti al passivo in due stagioni. 
Vero - come riporta il Giornale di Sicilia - che il Porto Corallo Villaputzu, in Sardegna sempre in Eccellenza, ha visto la propria difesa bucata 166 volte sin qui, ma un anno fa chiuse con 49 sfere dentro la porta. Ha sforato quota cento anche il Comprensorio Montalto Uffugo (109 gol subiti nell’Eccellenza calabrese) che l’anno scorso retrocesse dal girone I della D a braccetto con l’Orlandina, ma in quel caso il muretto difensivo del Montalto si sbriciolava con meno facilità (66 reti al passivo). Ha cambiato nome e rotta la squadra di Anzio. Da Anziolavinio ad Anzio Calcio 1924. Dalle 103 pappine prese l’anno scorso in D alle 28 di questo campionato nel girone B di Eccellenza del Lazio. Nello stesso girone G della D del 2014-2015, oltre all’Anziolavinio si distinse in negativo il Selargius con 99 reti incassate. Adesso ha subito 45 gol e milita nello stesso campionato del famigerato Porto Corallo Villaputzu.
Forse però il colabrodo più simile all’attuale Orlandina è il Porto Torres del biennio 2013-2015. Quest’anno in Promozione ha sistemato la retroguardia e preso soltanto 38 gol, ma nel 2013-2014 lasciò la D con la propria rete che si gonfiò 137 volte e nel 2014-2015 è retrocesso dall’Eccellenza con 108 segnature al passivo. Totale 235 in due campionati. 
L’Orlandina sbaraglia la concorrenza delle squadre da incubo. A farne le spese sono stati i vari Trezza, Tomeo, Scaglione, Pascarella e Parisi che si sono alternati fra i pali della porta paladina, agli ordini degli allenatori Santo Mazzullo (dimessosi in autunno) e Nicola Ferrara, attuale tecnico, con una squalifica fino al 30 giugno sul groppone. 
E così il “Micale” è diventato terra di facile conquista da quando i biancazzurri vivono una difficile situazione societaria. A differenza del vecchio "Merendino”, fortino spesso inespugnabile e teatro della vittoria più bella della storia dell’Orlandina. La Coppa Italia Dilettanti che nel 2000, prima volta in cui venne riservata alle formazioni di Eccellenza di tutta Italia, l’undici guidato da Capodicasa conquistò ai danni dei friulani della Sacilese. Altri tempi, altri record.

Print Friendly and PDF
  Scritto da il 15/04/2016
Articoli correlati:
14/09/2020 - Coppa Promozione: Risultati-Marcatori gare di ritorno (13 Settembre)
13/09/2020 - Coppa: Risultati-Marcatori ritorno Primo Turno (13 Settembre)
09/09/2020 - Coppa Promozione: Risultati-Marcatori delle gare di andata 6 Settembre
07/09/2020 - Coppa Eccellenza: Risultati-Marcatori andata Primo Turno (6 Settembre)
18/06/2020 - Non hai pagato il tuo mister? Niente iscrizione al prossimo campionato
30/07/2019 - Boom di scommesse live: ecco come funzionano e come sfruttare le quote
27/06/2019 - Quando il Palermo era protagonista in Serie A
24/05/2019 - La stagione da incubo del Palermo Calcio: che cosa sta succedendo?
Tempo esecuzione pagina: 0,08066 secondi