Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: RISULTATI CLASSIFICHE STATISTICHE COPPE

Ludos, Antonella Licciardi supera a pieni voti il corso di Coverciano

Il tecnico usticese ha conseguito il patentino di allenatore Uefa A

  Scritto da Giovanni Di Salvo il 11/09/2017

Promossa a pieni voti. Antonella Licciardi, con il punteggio massimo di 110 (sono stati solamente in due ad ottenerlo sui 54 partecipanti), la scorsa settimana ha conseguito il patentino di allenatore UEFA A. Il tecnico usticese è stata una delle 5 donne che, insieme a 49 colleghi uomini, ha partecipato al corso di Coverciano - le cui lezioni si sono svolte tra giugno e luglio - che permette di accedere al mondo del professionismo. Ma il bravo mister non è a caccia di panchina: infatti il presidente della Ludos Cinzia Valenti ha bruciato tutti sul tempo e, dopo avergli affidato ai primi di maggio il ruolo di Responsabile dell'area tecnica del settore giovanile, il mese scorso l'ha ulteriormente blindata nominandola anche allenatore della prima squadra, impegnata nel campionato di serie C di calcio femminile. Per sei settimane Antonella Licciardi è stata a stretto contatto con campioni del calibro di Esteban Cambiasso, Enzo Maresca, Giuseppe Mascara, Gaetano D'Agostino, Daniela Tavalazzi (oltre cento presenze con la nazionale femminile) e Patrizia Panico (vice allenatrice della Nazionale under 16), con i quali ha potuto condividere esperienze e punti di vista.

Con quali di questi campioni ha stretto maggiormente amicizia?
"Ho avuto con tutti rapporti cordiali e ho trovato persone disponibili al confronto anzi ben felici di conoscere le esperienze degli altri o di raccontare le proprie. Tra i tanti sicuramente Ibrahim Ba (ex giocatore del Milan) e Daniele Ambrosetti sono stati quelli con cui mi sono relazionata maggiormente ma ne potrei elencare tanti altri: Mendes "Silvinu", Kallon, Vergassola e Semioli".

Insieme a Lei vi era un altro palermitano, Gaetano D'Agostino e il calatino Giuseppe Mascara. L'essere conterranei ha dato un qualcosa in più nelle vostre dinamiche interrelazionali? 
"Peppe Mascara sicuramente era quello che più di altri esprimeva la goliardia tipica siciliana. Ma in generale posso dire che il gruppo, per quanto numeroso ed eterogeneo, è risultato straordinario. E ancora oggi ci sentiamo via chat."

Passiamo al corpo docenti, di elevatissimo spessore. Da chi è rimasta più colpita?
"Tutti i docenti hanno dimostrato grande competenza e desiderio di lasciare un segno nella nostra formazione. Su tutti comunque il mio preferito è stato Renzo Ulivieri. Incredibile la sua motivazione, il suo entusiasmo e il suo carisma, che mi ha conquistato immediatamente. Le sue lezioni non erano solo di calcio ma di vita. Instancabile e disponibile a rimanere anche al di fuori delle ore di lezione per chiarirti un qualsiasi dubbio. Un esempio per tutti noi." 

Come si è svolto il corso? L'ha superato a pieni voti ma quale parte è stata la più difficile da affrontare?
"Ho seguito le sei settimane del corso con la massima attenzione possibile e malgrado otto ore al giorno intense e stancanti, ho vissuto ogni momento con grande entusiasmo. Infatti sapevo che un'opportunità del genere non poteva andare sprecata. Poi tornando a casa ho approfondito gli argomenti. L'esame lo abbiamo svolto con ciascun docente, in un clima sereno, ed è stato un ulteriore confronto molto interessante. Non c'è stata una cosa più difficile delle altre. Ogni frangente di questa esperienza è stata molto impegnativo."

Chiusa questa esperienza adesso è pronta per mettere a frutto gli insegnamenti di Coverciano. Quali sono i suoi programmi da raggiungere in casa Ludos?
"Spero di riuscire a trasmettere alla squadra la stessa carica, motivazioni ed entusiasmo che questa esperienza ha trasmesso a me. Il nostro lavoro ha un senso proprio se riusciamo a trasferire quello che sappiamo ai nostri giocatori. Ritornare ad allenare la Ludos è un'opportunità di cui sono onorata e il progetto di riportare questa società ad un alto livello è un obiettivo molto stimolante. Le aspettative sono elevate ed io spero di ripagare la fiducia concessami."

Print Friendly and PDF
  Scritto da Giovanni Di Salvo il 11/09/2017
Articoli correlati:
Tempo esecuzione pagina: 1,08993 secondi