Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: RISULTATI CLASSIFICHE STATISTICHE COPPE DIRETTA

Tattica individuale nella fase di non possesso palla

In questa puntata proponiamo due esercitazioni per i difensori nell'uno contro uno con gli attaccanti in zona centrale e laterale del campo

Vai alla galleria

In questa puntata proponiamo due esercitazioni di tattica individuale nella fase di non possesso palla.

Andremo a sviluppare la fase di marcamento e di presa di posizione. Per marcamento intendiamo l'abilità individuale che consiste nel togliere libertà all'avversario mantenendo la posizione migliore per limitarlo nella sua azione. Per presa di posizione intendiamo l'abilità di rallentare e ostacolare l'azione dell'avversario posizionandoci in modo corretto tra l'avversario,la palla e la porta.

ESEMPIO 1: MARCATURA FRONTALE IN ZONA CENTRALE

Il difensore (rosso) passa la palla all'avversario e il più velocemente possibile deve avvicinarsi ad esso per ostacolarlo quanto più lontano dalla porta. Arrivato in prossimità dell'attaccante, il difensore si terrà ad una distanza circa di un metro e mezzo e nella posizione laterale con un piede avanti e uno dietro (mai piedi paralleli). Quando l'attaccante avanza dovrà scivolare indietro mantenendo la distanza dall'avversario (distanza che permette difficoltà di dribbling e di passaggio) e con gli occhi sempre puntati sulla palla cercherà di rallentare l'azione e portare una pressione direzionale sul piede meno abile dell'avversario.

ESEMPIO 2: MARCATURA FRONTALE IN ZONA LATERALE

Ci spostiamo nella zona laterale e con le stesse modalità andiamo ad affrontare l'avversario, facendo attenzione a metterci spostati un po' verso l'interno del campo. In modo tale quindi da avere la parte anteriore del corpo rivolta verso la linea laterale per invitare l'avversario ad andare verso l'esterno e non nella zona pericolosa, che noi delimiteremo con dei coni. Facendo così e cercando di tenerlo sulla linea esterna il difensore ne limiterà le possibilità e si avvantaggierà nell'azione difensiva di temporeggiamento, dando la possibilità ad un compagno di intervenire in aiuto.

Galleria fotografica
Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione il 22/12/2015
Articoli correlati:
29/09/2017 - Progressione di gioco condizionato con marcature fisse
26/09/2017 - Partita a tema: liberiamoci dalla marcatura
06/01/2016 - Lavagna tattica: il possesso palla a uomo facilitato
29/12/2015 - Lavagna tattica: alla ripresa serve un duplice lavoro
22/12/2015 - Tattica individuale nella fase di non possesso palla
01/12/2015 - Lavagna tattica, il possesso tattico contro le ripartenze
24/11/2015 - Lavagna tattica: possesso palla tradizionale e a tocchi liberi
17/11/2015 - Lavagna tattica, i giochi di posizione: il 3 contro 3 con due comodini
Tempo esecuzione pagina: 0,05418 secondi